Variazioni. Dialoghi in Musica

Cambiare vuol dire mettersi in gioco, vuol dire essere disposti ad abbandonare convinzioni e pregiudizi per essere aperti a nuove influenze. Cambiare è anche evolversi, soprattutto in un momento critico come quello attuale, e attorno al concetto di “evoluzione” ruota la scelta di attivare quest’area digitale, dove potrete fruire di contenuti digitali di diversa natura (concerti, podcast, interviste, brani), in versione free oppure a pagamento.

palinsesto:

Roberto Prosseda – “Kleine Klavierstücke”

Tra i pianisti più richiesti di oggi per capacità, intelligenza e profondità di repertorio, Prosseda ha preparato un programma didascalico che dimostra, attraverso l’esecuzione di brevi brani pianistici (da qui il titolo “Kleine Klavierstücke”) come si possa trovare modernità nei classici e le radici nel contemporaneo. Al termine del concerto, un approfondimento sul senso dell’essere musicisti oggi, il rapporto con le nuove forme di fruizione musicale, in un colloquio con uno dei filosofi e saggisti più originali del nostro tempo, Leonardo Caffo, professore di ontologia presso il Politecnico di Torino.

Durata

01:22 minuti

Quartetto Adorno – “Sintesi e distensione”

Il Quartetto Adorno affronta il tema della “lunghezza” in musica con il Quartetto op. 74 detto “delle Arpe” e con una delle opere più enigmatiche di Beethoven ovvero La Grande Fuga. Nel cuore del programma fanno capolino le brevissime e concentrate Sei bagatelle di Anton Webern, che consentono di affrontare il tema della distensione e concentrazione in musica. Distensione e concentrazione, tweet e romanzo, potremmo osare. Quali differenze ci sono nell’uso di questi linguaggi? Ne parliamo con Luca Ciammarughi, pianista, scrittore, conduttore radiofonico e allo stesso tempo molto attivo sui social.

Durata

01:14 minuti

Variazioni – Pacchetto RED (8 episodi)

Roberto Prosseda – “Kleine Klavierstücke”
Quartetto Adorno – “Sintesi e distensione”
Gloria Campaner, pianoforte – “C# – SeeSharp”
Ivanna Speranza ed Enrica Ciccarelli – “Romanze da camera”
Artisti in residenza – “Spazio ai giovani”
Emanuele Arciuli – “American Dream”
Quartetto ø – “Omaggio a Ezio Bosso”
Francesco Libetta – “Il pianista romantico”

Gloria Campaner, pianoforte – “C# – SeeSharp”

Pianista dalla carriera internazionale, curiosa ed eclettica, Gloria Campaner introduce un programma accomunato dalla tonalità di do# minore. C#, see sharp, è anche il titolo del suo workshop, una vera e propria palestra per le emozioni. Insieme al frontman dei Casino Royale, Alioscia Bisceglia, si discute al termine del concerto, di come avvicinarsi alla musica classica e di come uscire dalla propria comfort zone.

Durata

00:56 minuti

Ivanna Speranza ed Enrica Ciccarelli – “Romanze da camera”

Un programma di romanze da camera, con l’intento di dare valore ad un repertorio intimo e salottiero ingiustamente accantonato dai grandi interpreti se non sotto forma di bis. Il lavoro di cesellatura necessario per interpretare le romanze da camera è simile al lavoro di creazione di un capo: ce lo racconta Francesca Liberatore, fashion designer ed ambasciatrice del Made in Italy nel mondo.

Durata

01:00 minuti

Artisti in residenza – “Spazio ai giovani”

Sei giovani Artisti in Residenza (Giulia Rimonda, Trio Kaufman, Valerio Lisci, Cristian Lombardi) ci permettono di affrontare il tema del sacrificio e del sogno della Generazione Z. Lo facciamo insieme a Laura Marzadori, primo violino di spalla dell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano.

Durata

01:15 minuti

Emanuele Arciuli – “American Dream”

Arciuli è un pianista che, oltre al repertorio tradizionale, affronta da anni la musica del nostro tempo, con un’attenzione particolare alla musica americana di cui è uno dei massimi interpreti a livello mondiale. L’attenzione a linguaggi diversi, che in fin dei conti si rivelano senza confini, è il tema che affrontiamo insieme a Laura Bosio, scrittrice, editor, e responsabile della scuola Penny Wirton di Milano, che offre lezioni di italiano gratuite ai migranti.

Durata

01:19 minuti

Quartetto ø – “Omaggio a Ezio Bosso”

Il Quartetto ø è formato da musicisti che hanno lavorato e sono cresciuti artisticamente con Ezio Bosso. A seguire, il violinista Giacomo Agazzini insieme a Tommaso Bosso, curatore dell’eredità intellettuale di Ezio, commentano il Bosso compositore e regalano aneddoti sul musicista, grande e instancabile divulgatore, amatissimo e divisivo allo stesso tempo. Preziosissimo bonus, un inedito filmato in cui il Maestro Ezio Bosso dirige l’Amen dallo Stabat Mater di G. Rossini alla guida della “Europe Philharmonic Orchestra” – a Todi in occasione dello Iubel Festival nel maggio 2019.

Durata

01:06 minuti

Francesco Libetta – “Il pianista romantico”

Artista a 360°, pianista, regista, scrittore, presenta un programma dedicato a Listz, Schubert e Chopin. Qual è l’immagine del pianista, al giorno d’oggi, e in che modo cambia rispetto ai pianisti dell’Ottocento? Il confronto con Beppe D’Elia, head stylist, artista dei look delle celebrities, rivela interessanti parallelismi tra musica e coiffure.

Durata

01:18 minuti

0
    0
    Your Cart
    Your cart is emptyReturn to Shop